Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Bargiggia: “Nessuno avrebbe dato il Milan favorito; Conte avrebbe vinto anche quest’anno; Spalletti in parte responsabile”

Spalletti in generale ha fatto bene, ma in quel maledetto momento non è riuscito a dare la giusta determinazione e forse anche la giusta preparazione fisica alla squadra.

A 1 Football Club, il programma condotto su 1 Station Radio da Luca Cerchione in onda è intervenuto Paolo Bargiggia che ha così commentato i risultati del campionato 2021/22:

Sul Milan e la vittoria dello scudetto
“Intanto ha vinto una squadra che nessuno avrebbe dato per favorita. Si è parlato spesso di una squadra troppo giovane e non in grado di trionfare nel nostro calcio. Il Milan ha avuto il merito di conquistare lo scudetto attraverso un gioco europeo, meraviglioso. Se guardi la rosa del Milan, ci sono giocatori tutti tra i 20 e i 24 anni, e in Italia di solito non si considerano giocatori cosi giovani per arrivare ai vertici. C’è una mentalità diversa anche nello scouting. I tifosi del Milan dovrebbero fare un monumento a Boban, e poi a Maldini e Massara, che hanno fatto un grande lavoro. Elliot è riuscito, nel giro di quattro anni, a risanare i conti, vincere uno scudetto ed alzare il valore del club.”

Sull’Inter
“Nessuno si aspettava un’Inter cosi dopo gli addii di Conte, Lukaku e Hakimi. Inzaghi ne è uscito molto bene, ha conquistato due trofei e ha proposto un bel calcio. Penso che Conte avrebbe vinto anche quest’anno, perchè nei momenti importanti è sempre riuscito a far alzare la testa alla squadra e a vincere. Ha portato il Tottenham in Champions League, prendendolo da una situazione difficile. Il problema dell’Inter è legato alla poca disponibilità economica e la poca possibilità di fare le scelte che vorrebbero.

Sulle responsabilità del mancato scudetto del Napoli
“Io penso che le maggiori responsabilità le abbia Spalletti, che comunque in generale ha fatto bene, ma in quel maledetto momento non è riuscito a dare la giusta determinazione e forse anche la giusta preparazione fisica alla squadra. Ovviamente con alcune situazioni volte nel giusto modo le cose sarebbero potute andare diversamente, ma penso che la situazione poteva essere gestita meglio dallo staff tecnico.”

Sulla Juventus
“La stagione della Juve è totalmente fallimentare, alla luce degli investimenti fatti. Ha iniziato male, poi si è ripresa nella parte centrale della stagione e poi, alla fine, ha fatto anche peggio. I numeri sono preoccupanti: Allegri ha fatto meno di Pirlo e Sarri, e ha segnato solamente 57 reti, un cammino di squadra quasi da lotta salvezza. Sulla Juve si può dire che i tifosi non si illudano, perché i Pogba e i Di Maria non basteranno per tornare ai livelli di una volta, perché qui non è una questione di giocatori, ma di idee, e finché Allegri non cambia la sua filosofia, la situazione sarò questa.”

Sulla salvezza della Salernitana
“Salvezza folle quella della Salernitana, ma a Nicola vanno dati i giusti meriti. Lui è uno specialista di salvezza, e infatti nell’ultima parte di stagione ha risollevato in maniera enorme la classifica dei campani.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide