Seguici su
1606814839090918

In primo piano

“Azzurro comme ‘o mare / celeste comme ‘o cielo / scudetto ‘e chistu core / torna a chesta città “

Una “palla al centro” che tiene rinchiuse speranze, sogni, attese, lusinghe, auguri

Manca poco. Tre giorni. Poi si riparte. Il Napoli, gli azzurri, un’intera città, appunto Napoli, il 3 gennaio rimette “palla al centro”. Una “palla al centro” che tiene rinchiuse speranze, sogni, attese, lusinghe, auguri per una comunità tifosa (e provata) che da troppo tempo si vede strozzare in gola un urlo liberatorio. Da Castel Volturno arrivano notizie e immagini incoraggianti (quasi). Per ora si immagina il coro vecchio ma sempre valido «Oie vita oie vita mia, oie core ‘e chistu core» de ‘O surdato nammurato a “un giorno all’improvviso”. Certo, il refrain (’o riturnello, per quelli che ancora capiscono e ricordano la bella lingua di Ferdinando Russo e Salvatore Di Giacomo) de “’O surdato” è sicuramente quello che più dà l’immagine reale dell’affetto che la città tutta (non consideriamo “i traditori”) mette in campo per la sua squadra. Quello del “giorno all’improvviso” pare, senza offesa, un pochettino “loffio” senza mordente. Uno non si può svegliare un giorno e ritrovarsi tout court (llà pe’ llà) tifoso del Napoli.

Il tifo, quello sportivo, in maniera elettiva, è una malattia endemica, infettiva, perniciosa e maligna, che ti afferra sin quasi dalla nascita e nun te lassa cchiù per tutta la vita. Nel corso della quale ho visto, come si dice, “cose che voi umani non immaginereste mai” come quella banda di scugnizzielli, tra i quattro e nove anni, che davanti al televisore sintonizzato su sky quando il Napoli scendeva in campo attaccava a cantare “’oie vita oie vita mia”, coinvolgendo i genitori e quanti altri si trovavano nel soggiorno, sino alla vecchia nonna che quasi non teneva più voce. E che quando segnava quel pirulicchio di Mertens si metteva pure a ballare (oddio, ballare, mo) dando lei la voce: “’oie vita oie vita mia”. Ma c’è anche il bel refrain dei “ragazzi della Curva B”, mai passato di moda o dimenticato, di Nino D’Angelo: “Napolì, Napoli … siamo i ragazzi della curva B”. Insomma, le parole non ci mancano; il cuore, lo teniamo, il sciato per alluccare e cantare lo potremmo prestare… e che ce manca a nnuie? Forse, anzi quasi certamente, qualche altro mastone per consentirci di stare tranquilli se ci fosse necessità di ricambi o di far riposare qualcuno? E qua si tratta di mettere mano al curniciello… eh… ci allunghiamo sui verbi “difettivi”. Difficile. Ma, torniamo a palla: il coro. Che dovrà servire a sostenere la squadra. Sempre. Per tutti i novanta minuti. I vaffa (rimodernato da Insigne) e quant’altro all’indirizzo degli avversari servono a poco. A niente, anzi. Ce fanno sulo perdere ‘o sciato. Serve invece sostenere e fare il tifo per i propri. E con un coro che metta i brividi addosso, ‘o friddo ncuollo, a chi viene ora allo Stadio Diego Armando Maradona: e tutti in piedi.  Un coro (appena si potrà)  ca l’haddà fa tremmà è denocchie. Avrei, se mi è consentito, pensato a una cusarella. Che le “batterie” o le “paranze” della tifoseria azzurra nostra potranno valutare. Magari azzeccandolo a ‘O surdato nnammurato”. Quattro versucci : azzurro comme ‘o mare / Celeste comme ‘o cielo / scudetto ‘e chistu core / torna a chesta città. E dunque diventerebbe: oie vita d’’a vita mia / oie core ìe chistu core / si stato ‘o primmo ammore / ‘o primmo e ll’urdemo sarraie pe’ mme / azzurro comme ‘o mare / celeste comme ‘o cielo / scudetto ‘e chistu core / torna a chesta città “. Che ne dite? Se po’ ffà’?

Carlo Avvisati

Giornalista

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide