Seguici su
1606814839090918

Non categorizzato

Arragliata speranzosa

Preghiamo (a) quella madre che al serpente
gli diamo tre palloni sopra i denti

Quinnece iuorne se so arreposate
magnanno capitute a araustelle
grancefellune, vogole e ppatelle,
e buono ‘e vino se so’ sfrantummate.
Mo, llunnerì ca vvene la Befana
vulessemo jucà nu partetone
cu st’interiste ca stanno arraggiate
pecché tozzole amare hanno magnato
teneno a stu misterro allenatore
ca è nnobbele, nu conte, nu signore,
ca ll’ha mettute sotto, a ffaticà:
o cacciano suramma o hann’’a schiattà
Priammo a chella mamma ca ô serpente
Lle damme tre ppallune nfacci’’e diente
pecché si le ppigliammo ncopp’’o naso
so ttorze voste co llo sie’ Grattuso!

********

Quindici giorni si son riposati
mangiando capitoni e conocchie,
granchi felloni, vongole e ostriche
e a furia di vino si sono sbriciolati.
Ora che lunedì, verrà la Befana
Vorremmo giocare una gran partita
Con questi interisti che stanno arrabbiati
Perché loro pezzi di pane duro hanno mangiato
Tengono questo mister, l’allenatore,
che è nobile, in conte, un signore,
che li ha messi sotto a lavorare:
o sudano sette camicie o devono schiattare.
Preghiamo (a) quella madre che al serpente
gli diamo tre palloni sopra i denti
perché se le pigliamo (di nuovo) sul naso
sono cavoli vostri con il signor Gattuso.

Carlo Avvisati

 

Giornalista

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Non categorizzato

rfwbs-slide