Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Anche Luciano Spalletti inizia il campionato con il contratto in scadenza (a metà)

In pratica anche Spalletti inizierà il campionato come Insigne lo scorso anno, e con De Laurentiis che entro il 30 aprile potrà prolungare il contratto.

E’ un romanzo già letto in tutti i capitoli quello che sta scrivendo con saggezza il Napoli di Delaurentiis-Chiavelli-Giuntoli-Spalletti.  La certezza di due giocatori che rinnoveranno la freccia sinistra acquistati bruciando le tappe e un mercato ben definito che deve cogliere l’attimo fuggente per concretizzarsi.

Urge vendere Demme, Politano, Ounas e magari Fabian Ruiz per poter definire la trattativa per Ostigard, Deulofeu e magari un Brekalo,  Svanberg o qualche mister X  segnato nell’ultima pagina del taccuino di Giuntoli.

Sarà decisamente importante definire la situazione di Koulibaly al quale potrebbe essere offerto un rinnovo (ritoccato) a 5 milioni più bonus, oppure un anno a scadenza com’è stato per Insigne, a meno che un club (Chelsea?) non metta sul piatto 35/40 milioni.  Per Mertens invece operazione di copertina con  email di offerte e risposte come i fidanzatini di Peynet. Ai fini tattici Mertens tornerebbe alle origini del suo arrivo a Napoli quando, subentrando a Insigne, spaccava le partite. Se alla fine Mertens e De Laurentiis si stringeranno la mano, parecchi abbonamenti in più avranno il nome di Ciro, ma per Spalletti cambia poco.

Tuttavia, più importante del mercato che troverà una sua conclusione il 1° settembre, sarebbe capire con quale progetto partirà Luciano Spalletti.  Lo scorso anno Spalletti ha firmato un biennale con opzione per un terzo e quarto anno a 2,8 milioni netti a stagione in media (più bonus scudetto e Coppe). In pratica anche Spalletti inizierà il campionato come Insigne lo scorso anno, e con De Laurentiis che entro il 30 aprile potrà prolungare il contratto.

A fine campionato, alla vigilia del match contro il Sassuolo  (35^ giornata) gli è stata rivota la fatidica domanda: “Il suo futuro sarà qui a Napoli?” E Spalletti: “Se lei mi parla di futuro, il mio futuro è la gara di domani. Se poi mi parla del futuro della mia professione, le dico che ho un altro anno di contratto e un anno ulteriore con opzione a favore della società. Io voglio rimanere a fare l’allenatore del Napoli, ho firmato un contratto di due anni e qui mi sento benissimo, non vedo quale problema possa esserci”.

Quo Vado? Un gran successo di Checco Zalone che mette il dito nella piaga della precarietà. A tutti i livelli può togliere grinta, sacrificio lasciando il posto alla professionalità e serietà. Ma il sacro fuoco chiede anche certezze e se Spalletti e De Laurentiis credono nel profondo cambiamento che sta vivendo il Napoli, devono guardare lontano, insieme, remando dalla stessa parte.

Giornalista.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide