Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Anche la Spal nel mirino di un italo-americano

Dopo il Bologna, il Parma e la Roma, anche la Spal potrebbe avere un presidente italo-americano, mentre il MLS vive il profondo rosso

Sempre più stranieri nel calcio italiano che soffre una crisi economica senza precedenti: un nuovo investitore dal Nord America è pronto a puntare sull’antico club della Spal. Dopo l’arrivo a Bologna nel 2014 dell’italo-canadese Joey Saputo e quello più recente di Kyle Krause a Parma (65 milioni per il 90% del club), un altro player d’Oltreoceano potrebbe approdare in regione: è quanto afferma  MF-Milano Finanza, rivelando che l’obiettivo dell’investimento è la società di Ferrara, che attualmente milita nel campionato di Serie B (per ora è al secondo posto alle spalle della Salernitana di Claudio Lotito, patron della Lazio).

Il club presieduto da Walter Mattioli, rivela Calcio e Finanza ha chiuso il 2019 con ricavi per oltre 55 milioni e un rosso di 1,6 milioni e ora è entrato nei radar di un fondo d’investimento statunitense pronto a stringere la presa sulla proprietà.

Se l’affare dovesse andare in porto sarà l’ennesima conferma dell’interesse made in USA per il calcio nostrano dopo il passaggio della Roma nelle mani di Dan Friedkin. Sempre dagli States la settimana scorsa è arrivato a Campobasso (Serie D), l’italo-americano Matt Rizzetta, presidente di North Sixth Group.

Tutto questo accade in Italia mentre la crisi economica causata dal Coronavirus ha colpito profondamente il campionato di calcio statunitense.  Il commissario della Major League Soccer (MLS), Don Garber, ha affermato che l’impatto della pandemia ha causato un calo delle entrate, tra lega e club, vicino al miliardo di dollari, rispetto ai ricavi dello scorso anno.

 

 

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide