Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Allegri: “Ho fatto la scelta di lasciare i sudamericani a casa”

“Difesa a tre? Lo dovrò valutare oggi, decidere come giocare. La parola emergenza non c’è, domani abbiamo la formazione ideale per giocare contro il Napoli”

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, ha parlato alla vigilia della sfida con il Napoli. Il sito Il Bianconero ha riportato le sue dichiarazioni in conferenza stampa: “Domani sarà una bella partita, affrontiamo una squadra che ha grandi valori tecnici, è in un buon momento, ha vinto le prime due partite. Noi domani andiamo a Napoli, non è tanto difficile fare la formazione perché non ne ho tanti. Ho fatto la scelta di lasciare i sudamericani a casa perché rientrerebbero tutti tra stanotte e domani mattina, in più c’è Cuadrado che era l’unico a poter venire che purtroppo ha avuto un attacco di gastroenterite quindi è fermo, non è potuto nemmeno partire e rientrare in Italia. E’ fermo in Colombia per accertamenti e quindi rientrerà nel più breve tempo possibile. Fortunatamente ci sono tre ragazzi – De Winter, Soulé, Miretti – che verranno con noi e se ci sarà bisogno saranno della partita. Ma questo non crei alibi, domani i giocatori che scenderanno in campo saranno in grado di fare un’ottima partita e cercheremo di fare risultato. Avremo una squadra tecnica, ci sono ragazzi che non hanno giocato o hanno giocato poco e domani avranno la possibilità di dimostrare che sono in buone condizioni. Abbiamo un mese bello, divertente. C’è il Napoli, inizia la Champions, poi il Milan, 7 partite vicine prima di chiudere con il derby prima dell’altra sosta.

MCKENNIE – E’ rientrato bene, ha lavorato bene. Domani sarà degli 11, dovrò valutare dove farlo giocare.

CHIESA – Ha avuto un risentimento muscolare, la risonanza è negativa, ma a livello precauzionale preferisco. Ho parlato con lui, non è tranquillo, giustamente quando hai un risentimento qualcosa anche minimo ci può essere, soprattutto per il rischio di giocare una partita di grande intensità come sarà quella di domani. E’ sempre Napoli-Juve, ci sarà molta attesa per il Napoli per giocare questa partita. De Sciglio è pronto, Pellegrini è pronto, dovrò valutare chi far giocare.

DIFESA A 3 – Lo dovrò valutare oggi, decidere come giocare. La parola emergenza non c’è, domani abbiamo la formazione ideale per giocare contro il Napoli. Sono molto sereno nel giocare questa partita, è bella e stimolante. Nelle difficoltà bisogna tirar fuori qualcosa in più per venirne fuori. Piano piano, abbiamo 7 partite, ne usciremo, rientreranno gli altri, le prestazioni delle prime due partite, indipendentemente dal risultato che è ciò che conta di più, anche se qualcuno lo metteva in dubbio, rimanevano sempre le stesse. E restano le stesse, c’è da migliorare tanto. Con l’Empoli abbiamo fatto una partita frenetica, con voglia di strafare e singolarmente. Bisogna raggiungere l’equilibrio di una squadra forte, che sa di essere forte, che qualunque cosa succeda in una partita o stagione non cambia assolutamente niente, e la gestione dell’imprevisto, che è la cosa più difficile, bisogna allenarla e averla. Durante l’anno capiterà di andare sopra o sotto, di essere ripreso, situazioni che non sono decifrabili prima della partita, che va giocata con tranquillità e forza mentale superiore, da squadra forte, che nulla può disturbare.​

OBIETTIVO JUVE – Gli obiettivi sono sempre quelli di essere competitivi a marzo per lottare per tutti gli obiettivi. La squadra è un’ottima squadra, dobbiamo migliorare su ciò che ho detto. Crescere in autostima, i risultati aiutano sotto questo aspetto, in questo bisogna esser bravi, indipendentemente dai primi due risultati, perché le cose da migliorare ci sarebbero state lo stesso.

PROBLEMA CALENDARI E SUDAMERICANI – La situazione di domani, questo è il calendario che è stato fatto, domani andiamo là e si gioca in serenità. Abbiamo 14 giocatori più 3 ragazzi, ne abbiamo in abbondanza. Sui sudamericani a casa, io credo che i giocatori che hanno finito di giocare alle 3 e mezza stanotte e arrivano sabato mattina alle 11 in Italia, portarli a Napoli e rischiare che si facciano male, abbiano la Champions, bisogna riposarsi, ha poco senso. Si lasciano a casa, riposano e lavorano, anche perché martedì abbiamo una partita molto importante, la prima in Champions è la più importante del girone. Napoli è una bella partita, non so cosa succederà nel risultato, ma faremo una bella partita

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide