Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Albiol: “Napoli nel cuore. Farò l’allenatore, amo il gioco di Sarri“

Il difensore spagnolo ex azzurro, ora al Villareal, racconta la sua esperienza napoletana

La sua carriera è stata lunga e piena di soddisfazioni, ma Raul Albiol, che ha vestito maglie importanti come quella del Real Madrid, è fortemente legato alla città e alla squadra di Napoli. Raul non dimentica i suoi sei anni italiani, ed è rimasto talmente segnato dall’esperienza con Maurizio Sarri che ora vuole fare l’allenatore e seguire le sue orme. Lo spagnolo si è raccontato in un’intervista a Las Provincias:

“Più maturi e più ti prendi cura di te stesso. E ora mi godo meglio tutto perché so che il tempo passa velocemente in campo. Ho fatto bene a venire al Villarreal ma è stata dura lasciare l’Italia. A Napoli stavo molto bene. Arrivai nel 2013 dopo l’esperienza al Real che non era finita nel modo migliore. Benitez però mi accolse benissimo e i tifosi mi hanno sempre riempito di affetto”.

Albiol racconta uno dei tanti episodi che gli sono rimasti nella mente e nel cuore:

“Quando battemmo la Juve a Torino, trovammo oltre 5 mila persone a far festa all’aeroporto, di ritorno. Ci vollero oltre tre ore per uscire col pullman e andammo fino a Castel Volturno scortati da auto e moto. Bello pensare che li abbiamo resi felici vincendo la Coppa Italia contro la Fiorentina e la Supercoppa contro la Juve. È gente passionale, quando esci di casa non puoi fare un passo. Splendidi ricordi”.

Poi Albiol parla dell’esperienza vissuta con Maurizio Sarri al Napoli, che l’ha segnato molto:

“È divertente anche come persona. Con lui ho passato tre anni spettacolari. Mi ha fatto vedere il calcio e la partita in un modo che prima non riuscivo a valutare. È arrivato tardi nell’elite del calcio, ma per la sua personalità lo paragonerei a Luis Aragones”.

Poi Raul racconta un aneddoto particolare:

“Un giorno andammo a giocare gli ottavi di Champions al Bernabeu. La società ci fece viaggiare in divisa, con un abito elegante, ma poi Sarri si presentò in tuta e cominciò a prenderci in giro: ‘Sembrate studenti universitari che si stanno cacando sotto all’esame”.

Per concludere, Albiol fa un riferimento preciso al suo modello di allenatore, Maurizio Sarri:

“Credo che farò l’allenatore. L’entusiasmo non mi manca e ho avuto la possibilità di conoscere i migliori tecnici al mondo. Ho imparato da tutti, ma se devo scegliere una strada io vedo il calcio come Sarri. E poi in Italia ho imparato tantissimo sulla tattica. E in Italia tornerò anche da turista. Anzi devo farlo al più presto per salutare tanti amici napoletani che mi aspettano. Il legame con Napoli è rimasto molto forte”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide