Seguici su
1606814839090918

In primo piano

A Benevento è scoppiata la pace, torna Vigorito

Vigorito: “Il pallone è stato un mezzo per arrivare al cuore della gente e regalare un sorriso ai bambini.”

E’ arrivato il giorno della tanto attesa conferenza, come riporta Tuttobenevento, in cui  il presidente Oreste Vigorito aveva annunciato per chiarire le principali motivazioni che lo avevano portato a decidere di abbandonare la guida del Benevento per poi provvedere all’iscrizione al campionato. Ecco quanto evidenziato dalla nostra redazione:

“Stasera mi sembra di essere ritornato un po’ indietro. Rivedo i miei anni di presidenza e, magari in maniera poco istituzionale, ho avuto l’abitudine di saltare gli incontri con la stampa perchè mi faceva piacere parlare con la gente. Dai discorsi fatti con le persone traevo la linfa e la ragione per la quale sono qui. Mi piace chiudere gli occhi e rivedere ciò che è accaduto qualche giorno fa in tv. Ho rivisto visi con entusiasmo e, come sempre mi capita, mi sono anche emozionato. Saremmo poco onesti se dimenticassimo quella che era stata una delle ragioni per cui stavo andando via: il disinteresse della gente. Poi è arrivato qualcuno al quale non vorrei dare più importanza di quella avuta, che ha espresso il dissenso, e fin qui  siamo nella libertà di opinione, ma ha emesso anche la sentenza: quella di andare via. Il pallone è stato un mezzo per arrivare al cuore della gente e regalare un sorriso ai bambini. Quelle che ho vissuto sono emozioni che un becero messaggio non potrà cancellare. Mi sembra assurdo che per riprendere un dialogo con le istituzioni ci sia bisogno di litigare. Con Mastella abbiamo affrontato il problema della convenzione e quello delle opere da realizzare. Tutto questo avveniva senza una comunicazione ufficiale. Come se avessi il diritto di fare il presidente di una squadra di calcio. Questo mi aveva stancato.

Sono convinto di una cosa: dobbiamo riprendere le vecchie abitudini. La squadra, almeno una volta a settimana, si allenerà a porte aperte. Vorrei che la gente tornasse allo stadio. I tifosi non avranno più alibi perchè avranno una bella sorprese sugli abbonamenti. Chiedo a loro di dipingere lo stadio di giallorosso. Affronteremo un anno difficile. Il Benevento, quest’anno ha meno presenze di tutte le squadre di B. Sono arrivate dalla serie A grandi squadre e ne sono salite altre dalla C.  Molte squadre sono formate da fondi che hanno miliardi di euro. Presidenti come me lavorano da soli e ci mettono anche qualcosa di soldi. Forse insieme possiamo ancora gioire e Vigorito può fare anche il presidente del Benevento Calcio. Non ho mai rifiutato il confronto. Lo spettacolo della curva sud, e non ha importanza quanti ne erano, aveva un cuore. Mi ha emozionato. Ho comprato un’emozione e finché il Benevento e i suoi tifosi mi regaleranno emozioni, io ci sarò. Quella gente avrà sempre Vigorito. Gli anni passano per tutti. La mia salute gode di ottima efficienza. Voglio continuare a fare il presidente insieme a voi. Costruiremo una squadra che sudi la maglia e possa ben figurare. Sono qui e vi faccio gli auguri di un bel campionato insieme”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide